RADICAL
radicalparty

dossier Kurdistán (Limes)

cover_717

Copertina a cura di Laura Canali

Il sommario del numero 7/17 di Limes, dedicato ai tanti Kurdistan e agli ostacoli posti dinnanzi al loro sogno d’autodeterminazione.

Dal 4 agosto in queste edicole, queste librerie, ebook (anche su Kindle) e su iPad.

Il numero sarà presentato giovedì 31 agosto al Mercato Centrale di Roma.

LEGGILO ONLINE A PREZZO RIDOTTO, ABBONANDOTI AL SITO DI LIMES

SCARICA IL NUMERO IN PDFPrime informazioni

COSÌ CI INVENTAMMO IL KURDISTAN (E LO RIFACCIAMO OGGI)

Regno Unito, Russia e Francia sobillarono contro gli ottomani il nascente nazionalismo curdo. Il Trattato di Sèvres (1920) sancì il diritto dei curdi a uno Stato indipendente, poi boicottato dalle grandi potenze. Cent’anni dopo, nel Siraq si corre lo stesso rischio.

di Stefano M. Torelli

IL GRANDE KURDISTAN RESTA UN’UTOPIA

Lo sfaldamento del quadro mediorientale apre spazi inediti al progetto unitario, ma l’eterna faziosità partitica del ‘popolo senza Stato’ vanifica ogni progetto pancurdo. Le origini dei contrasti. In Iraq, Siria e Iran i curdi sono pedine altrui.

di Maria Fantappie

LE MOLTE MASCHERE DEI CURDI IRANIANI

L’integrazione della minoranza curda in Iran non cancella le sfide di una convivenza storicamente difficile. Oggi sono i diritti linguistico-amministrativi e il Pkk a turbare i rapporti con Teheran. Ma in prospettiva, la minaccia maggiore viene dai salafiti.

di Walter Posch

IL VULCANO QUIESCENTE DEI CURDI D’IRAN

Radiografia del frastagliato panorama dei partiti del Kurdistan iraniano, incapaci di coalizzarsi e di minacciare la Repubblica Islamica. La dipendenza dai cugini iracheni e le tattiche repressive di Teheran. Finirà mai la Kempnishinii?

di Kamal Chomani

IL KURDISTAN IRACHENO, UNO STATO DI FATTO

Con il referendum consultivo sull’indipendenza, il capo curdo iracheno Barzani mira a consolidare il suo potere e a guadagnare punti nel negoziato con Baghdad. In ballo anche il destino di Kirkūk. L’ambiguità della Turchia. Kdp e Puk restano divisi.

di Giovanni Parigi

PKK E KRG, FRATELLI COLTELLI

Alla vigilia del referendum sull’indipendenza, la crescente influenza del partito di Öcalan nel Kurdistan iracheno complica i rapporti tra Arbīl e Ankara, che per ora restano saldi. Il problema dei profughi. Il nodo delle minoranze. Di fronte all’Is, l’Occidente chiude un occhio.

LA PARABOLA DEL KURDISTAN VISTA DA ARBĪL

Nell’analisi di uno storico curdo, il percorso che dalle promesse non mantenute di Sèvres al prossimo referendum promosso dai leader del Kurdistan potrebbe sfociare nella nascita di uno Stato indipendente. La decisiva alleanza con gli Usa.

di Bayar Dosky

LA PARTITA DEGLI SFOLLATI D’IRAQ

La sconfitta dell’Is si lascia dietro milioni di profughi, dispersi in un mosaico etno-religioso difficile da ricomporre. Sul tema del rientro, Arbīl e Baghdad sono impegnate in una disputa per ridefinire gli equilibri interni. La diffusa sfiducia verso il potere centrale.

di Irene Costantini

IL DILEMMA GEOPOLITICO DEL PKK

Nel conflitto con la Turchia, la palla è nel campo del gruppo di Öcalan. Conservare il Rojava come base per attaccare l’Anatolia o separarsi dai curdi siriani per ridurre la tensione con Ankara? Erdoğan può usare la violenza come leva del consenso.

di Stefano M. Torelli

GEOPOLITICA DEL ROJAVA

Da anni il Kurdistan siriano va costruendo la sua radicale autonomia sulla scorta del modello elaborato da Abdullah Öcalan. La geografia etnica. I rapporti con Damasco. Il ‘confederalismo democratico’ ha un futuro?

di Andrea Glioti, Lorenzo Trombetta

Strade del Kurdistan

Appendice

di Francesco Desoli

QUANTO È SOSTENIBILE IL ROJAVA?

L’autonomia dello staterello curdo in Siria è geopoliticamente fragile. La natura stessa del dominio del Pyd ne svuota la legittimazione. I sospetti delle comunità arabe. L’eccessiva dipendenza dal Pkk garantisce l’inimicizia turca. Quella dagli Usa la futura solitudine.

di Vittoria Federici

IL VANGELO FEMMINISTA DI ÖCALAN, ARMA TOTALE DELLA CAUSA CURDA

Nel Rojava è in corso un radicale esperimento sociale: emancipare le donne facendone guerriere asessuate votate al collettivismo e alla sovversione del patriarcato. I princìpi della ‘legittima difesa’. I rischi della militarizzazione. A guerra finita, le combattenti saranno libere?

di Isabel Käser

APOLOGIA DELLA RIVOLUZIONE CURDA

La difesa del Rojava e il confederalismo di Öcalan sono più di una causa nazionale. Sono un esperimento politico-sociale che mira a sovvertire millenni di patriarcato e sfruttamento in vista di un ideale democratico. Karim Franceschi e i combattenti italiani.

di Anna Irma Battino e Marco Sandi

CRITICA DELLA PSEUDORIVOLUZIONE CURDA

I filocurdi occidentali tacciono opportunamente gli abusi e le violenze commesse dal Pyd-Ypg nel Nord della Siria liberato dall’Is. Dai favoritismi amministrativi alla pulizia etnica contro gli arabi, la neonata autonomia esibisce forti tratti autoritari.

di Giuseppe Didonna

IL RAPSODICO APPROCCIO AMERICANO AI CURDI

Per ragioni tattiche le relazioni Usa con le minoranze curde sono da sempre contraddittorie. Dal tradimento iracheno del 1975 alla no-fly zone anti-Saddam, fino all’alleanza contro lo Stato Islamico. Perché l’ondivago atteggiamento di Washington non cambierà.

di Henri J. Barkey

ANCHE LA RUSSIA SI SERVE DEI CURDI

Il ritorno in Medio Oriente spinge Mosca a un rapporto flessibile e pragmatico verso le varie fazioni curde. Ma la priorità è Ankara. Storia dell’approccio russo verso i gruppi curdi nelle terre irachene, turche e siriane.

di Ruslan Mamedov

ALLE ORIGINI STORICHE DELLA ‘QUESTIONE DEL SUD-EST’

Il conflitto tra Stato turco e curdi affonda le radici nella struttura dell’impero ottomano. L’evoluzione del concetto di millet. Il ruolo del nazionalismo novecentesco e della destra filonazista. Erdoãan rischia l’etnicizzazione dello scontro.

di Carlo Pallard

I CURDI DI TURCHIA TIFANO PER I KEMALISTI

La linea dura dell’Akp ha riacceso il conflitto tra Ankara e Pkk. Accantonate le speranze di pace, gli occhi si volgono ora al leader del Chp Kılıçdaroğlu, in vista del voto del 2019. Il mito di Öcalan, prima accolto poi abbandonato dall’Italia, resiste.

IL PROBLEMA SALAFITA DI TEHERAN E L’ASSO DI ROHANI

Tramontato l’autonomismo, i curdi iraniani chiedono una mera tutela culturale che non intacchi l’unità del paese. Ma il muro opposto dalle autorità alimenta un radicalismo curdo-jihadista che guarda ai sauditi e all’Is. La Carta per i diritti come possibile via d’uscita.

BERLINO RIVALUTA I SUOI CURDI

Dopo l’ascesa dello Stato Islamico e l’approfondimento delle tendenze autoritarie ad Ankara sono aumentate le simpatie in Germania per la numerosa minoranza, a lungo considerata un elemento di disturbo. Ma il Pkk fa ancora paura.

di Charlotte Joppien

ATEISMO E ISLAM, L’OSSIMORO POSSIBILE

Il riconoscimento delle libertà nei paesi arabo-musulmani passa anche dall’accettazione dell’irreligiosità. La parabola storica dei non credenti islamici. Il caso del Marocco. Le ‘primavere’ insegnano: imporre le rivoluzioni laiche fa il gioco del radicalismo.

FRANCESCO E TRUMP, CONVERGENZE PARALLELE

Universalismo e neoterzomondismo bergogliani cozzano con il suprematismo moralista dei White Christians che hanno votato Donald. Eppure, nel pragmatismo politico e nella visione dell’Europa i due leader esibiscono (loro malgrado) varie analogie.

di Massimo Faggioli

COSÌ NACQUERO LE FRONTIERE CONFESSIONALI LIBANESI

Nel 1840, i negoziati tra cancellerie europee e Sublime Porta sfociano nell’istituzione del caimacamato, il cui limes sul Monte Libano rappresenta il primo confine etno-religioso del Vicino Oriente moderno. Viaggio alle origini del disordine geopolitico mediorientale.

di Sara Fregonese, Lorenzo Trombetta

IL NUOVO SOLE DEL MAROCCO

Il regno nordafricano punta sul solare di ultima generazione per soddisfare una domanda energetica in crescita e rilanciare l’integrazione euro-mediterranea. Le sfide tecnologiche. I risvolti geopolitici. L’Italia può svolgere un ruolo centrale.

di Luigi Spinola

LA RIVOLUZIONE DELL’INTELLIGENCE CIBERNETICA

Lo sviluppo di robotica e intelligenza artificiale sta cambiando il mondo. Si profilano sfide economiche, sociali e di sicurezza nuove, che richiedono risposte preventive. Il ruolo dei big data nella disinformazione di massa. La moda delle teorie del complotto.

di Mario Caligiuri

Autori

Gli autori del numero di Limes 7/17, Il mito curdo.

La storia in carte

Le carte storiche del numero di Limes 7/17, Il mito curdo.

a cura di Edoardo Boria